Coffa siciliana: da simbolo contadino ad accessorio di moda

Condividi la Nostra Sicilia

La coffa siciliana, originariamente, era la sporta che i contadini dell’isola utilizzavano per custodire il cibo destinato al sostentamento giornaliero loro e del bestiame. L’accessorio fu importato nella regione dalle popolazioni arabe e solo in un secondo momento divenne un oggetto simbolo della tradizione rurale del luogo. Oggi, invece, la coffa si è trasformata in un oggetto glamour, uno status symbol di moda femminile che unisce il gusto per la tradizione con il fascino di una sua ri-contestualizzazione storica. In questo modo, anche parte del retaggio agreste della Sicilia viene preservato, se pure con nuove vesti, e protetto dall’oblio della memoria.

Come è fatta la coffa siciliana

L’artigianato della coffa nasce da una tradizione di ‘arte povera’ che utilizza le foglie essiccate della palma nana. Quelle più tenere (in siciliano si chiamano curina) vengono selezionate, lasciate essiccare al sole e quindi lavorate dalle mani sapienti degli artigiani, che ne ricavano la tipica borsa siciliana. Le modalità di realizzazione odierna rispettano fedelmente la procedura antica e gli artisti che, ancora oggi, si dedicano alla produzione di coffe, conoscono alla perfezione la tecnica posta in essere dai propri avi.

Personalizzazioni, ornamenti, ricami

Oggi la coffa, come detto, è un accessorio di forte attrattività, sia per le donne siciliane che attraverso di essa esprimono la propria fiera appartenenza territoriale e sia per le turiste, che spessissimo scelgono la coffa come gadget da portare via con sé per mantenere vivido il ricordo della propria esperienza. Per tale ragione, il mercato della coffa oggi vive di una nuova vita e si caratterizza per la significativa propensione alla personalizzazione: oggi le coffe presentano ricami, pietre, dipinti, strass e altri tipi di ornamenti che rendono ogni esemplare differente da tutti gli altri.

Dalle botteghe alla moda internazionale

La coffa oggi trova uno spazio prestigioso anche all’interno delle passerelle di moda in tutto il mondo. Il merito va riconosciuto soprattutto agli stilisti Dolce & Gabbana (Domenico Dolce è originario della provincia di Palermo), i quali, per primi, hanno avuto l’intuizione di sviluppare una coffa di alta moda, regalando alla borsa dei contadini una visibilità planetaria e sdoganando definitivamente l’accessorio come un oggetto fashion e desiderabile.

Tuteliamo la palma nana!

Bonifiche, incendi e urbanizzazione stanno via via delimitando in modo sempre più preoccupante l’habitat della palma nana, che cresce in natura nei pressi di paesaggi rocciosi. A causa di ciò, essa è stata dichiarata pianta protetta; parallelamente cresce la sensibilità ambientale a tutela di quella che non è solo una pianta, ma un emblema della flora locale e del suo magnifico retaggio contadino.

Artigianato 100% Siciliano

Fami di Sicilia è anche questo: seleziona i prodotti più belli e trendy per vivere e vestire la Sicilia più autentica. 

Prodotti interamente realizzati a mano, frutto di passione e sapiente devozione ad arti antiche rivisitate in chiave moderna. 

Made in Sicily with Love


Condividi la Nostra Sicilia