Intervista a Mary Pavone, il volto dietro a Fami di Sicilia

Condividi la Nostra Sicilia

Questo blog è un’idea di Mary e lei adora le interviste!

Ne dovrei fare anche una io in verità e presto la faro’ ma adesso è arrivato il momento di fare a lei tutte le domande!

Così sarò io Maria Elisa, del suo staff, a farle questa intervista per scoprire di più di lei e del suo grande sogno!

Iniziamo!

1) Chi sei?

Sono Mary Pavone

2) Da dove vieni?

Sono cresciuta a Santa Teresa di Riva, un paese sul litorale ionico in provincia di Messina, a 10 km da Taormina. Da 5 anni vivo a Milano con Elvis, il mio amato cockerino, e mi occupo di vendite.

3) Perché un progetto sulla cucina tipica siciliana?

Io amo cucinare le ricette che mi ha tramandato mia nonna. Quest’idea è nata dalla voglia di trasmettere emozioni a chi, cucinando e mangiando un piatto tipico tradizionale siciliano, conoscendone le origini, lo possa vivere! Il mio vuole essere un ritorno alle origini, all’autenticità di piatti genuini. Se ad esempio mangio un arancino e so che è un piatto di derivazione araba (gli arabi mischiavano il riso con lo zafferano e lo condivano con l’agnello) e da lì è stato tramandato e introdotto nella cultura siciliana, la mente mi porta a pensare a quel periodo storico ed a viverlo anche con l’immaginazione. Così l’esperienza di degustazione diventa totalizzante!

4) Qual’e’ il tuo piatto preferito?

Focaccia messinese

5) Se fossi un primo piatto saresti?

Pasta con le sarde

6) E se fossi un secondo?

Bracioline

7) Se fossi un dessert?

Una cassata siciliana

8) E se fossi un vino?

Brindo alla Sicilia con un calice di Quater Vitis Bianco (è un vino della cantina Firriato)

9) Se fossi una canzone quale saresti?

Malarazza, interpretata da vari artisti, rispecchia il mio temperamento deciso nel riemergere dalle difficoltà.

10) Che significa essere siciliani?

Ovunque sia, un siciliano è legato alle proprie origini. Ama il mare e ha la necessità di respirarne l’aria. Proprio come il mare, ha un carattere melodrammatico, dolce ed impetuoso come le onde che sbattono forte sullo scoglio. Un’immagine che ritroviamo anche nell’Etna in eruzione. Personalmente, mi sento molto vicina al pensiero del poeta siciliano Gesualdo Bufalino, che in un’intervista a SCIASCIA disse: “Più mi sforzo di sbucciarmi di dosso la mia pelle, più tendo a ricucirmi dentro la mia terra. Essere siciliani è tutt’altro che facile. Spesso questa identità così forte e dannata comporta dubbi atroci, tentazioni di rinnegamento, disperate ricerche di risposte. È il cruccio del sentirsi e in fondo dell’esserlo davvero – diversi, dell’essere destinati a percepire il mondo a modo nostro.


INTERVISTA IN SICILIANO

 

1) Cu si?

Maria Pavone

2) Di unni si?

Criscia a Santa Teresa di Riva, un paisi supa u mari ioniu ta provincia i Missina a vinti chilomistri i Taormina. Da cincu anni stai a Milanu cu Elvis u me caru canittu e travagghiu te vinniti.

3) Picchì na idea supra u manciari sicilianu?

A mia mi piaci priparari u manciari chi m’insignau me nonna. Sta idea nasciu pikkì vogghiu ki i cristiani si emozionanu priparannu e manciannu manciari sicilianu sapennu a storia. Vogghiu mi si torna a na vota cu manciari bonu e sanu. Per esempiu si mi manciu n’arancinu e sacciu chi u puttaru l’arabi chi miscidiaunu u risu cu zafferanu e poi u cunzavunu cu l’agneddu pi poi ruvari a chiddu di ora, cuminciu a pinsari a du periudu e a immaginari comu putia essiri

4) Quali iè u piatto chi ti piaci chiassai?

A focaccia missinisi

5) Si fussi nu primu chi sarissi?

Pasta chi sardi

6) Si fussi un secunnu?

Bracioli

7) Si fussi na cosa duci?

Na bedda cassata

8) Si fussi u vinu?

Bivu a saluti da Sicilia cu nu bicchieri i Quater iancu ( ie’ un vinu da casa Firriatu).

9) Si fussi na canzuna quali sarissi?

Malarazza, cantata da tanti, parra du me carattiri forti a passari i disgrazi.

10) Chi voli diri essiri sicilianu?

Unne’ chi iè, un sicilianu ie’ taccatu a so’ storia. Ci piaci assai u mari e ava sentiri l’aria. Comu u mari, iavi un carattiri i melodramma, duci ie forti comu l’ondi chi sbattunu forti supa i pèstri. U stissu ie si pinsamu o focu di l’Etna.


Condividi la Nostra Sicilia