Premio Nazionale di Poesia Himera: concorso per poeti e non solo

Condividi la Nostra Sicilia

La Sicilia è uno dei cuori pulsanti della cultura mediterranea, una culla di arti e culture che si abbracciano e si armonizzano. Una terra di passaggio e di stanziamento per popolazioni provenienti dall’Asia, dall’Africa, dall’Europa, in cui molteplici retaggi, usi e costumi hanno lasciato un segno del loro passaggio, concorrendo ad arricchire un territorio tra i più versatili e sfaccettati al mondo. Oggi, noi abbiamo il dovere morale e fattuale di proteggere e preservare questo patrimonio secolare.

Il Premio Nazionale di Poesia Himeria

Premio Himera 2020L’Associazione Culturale di Termini Imerese Termini d’Arte indice anche per l’anno 2020 il Premio Nazionale di Poesia Himera, una kermesse giunta alla sua ottava edizione e che presenta una sezione speciale dedicata all’Archeologia e i Beni Culturali e Ambientali in Sicilia.

Oltre alle tre sezioni dedicate alla poesia:

  • In lingua italiana
  • In lingua Siciliana e vernacoli d’Italia
  • Poesie Edite

Anche quest’anno è presente una sezione speciale dedicata ad opere edite ed inedite scientifiche e letterarie (che comprende tesi di laurea e di ricerca e video-documentari) che trattano il tema dell’Archeologia e dei Beni Culturali ed Ambientali in Sicilia.

Il concorso ha il patrocinio morale del Comune di Termini Imerese e dell’Archeoclub d’Italia Himera. Le valutazioni dei testi saranno affidate a due Commissioni Giurie, una per la Poesia, presieduta dall’illustre prof. Tommaso Romano, e l’altra per la Sezione Speciale.

Il premio, come dichiarato dallo stesso presidente dell’associazione, mira a riconoscere il valore della nobile arte poetica e a omaggiare tutti coloro che dedicano passione e tempo alla splendida arte letteraria, celebrando la nostra lingua e i dialetti dell’intera nazione. L’iniziativa mira anche a dare lustro a quanti operano per tramandare e far conoscere il patrimonio archeologico siciliano.

La premiazione, che usualmente si svolge nel mese di settembre, per l’edizione 2020 slitterà occasionalmente di alcuni mesi. Prestigiose personalità della cultura e dell’arte sono state premiate nel corso della storia della manifestazione: donne e uomini di  nomea regionale e nazionale, ma anche e non meno importante, giovani neolaureati e appassionati cultori di Archeologia e Beni Culturali ed Ambientali.

Negli anni, sono state riconosciute autorevoli Targhe d’Eccellenza e riconoscimenti speciali a personaggi che hanno saputo distinguersi nell’ambito della divulgazione culturale. Ecco chi è stato insignito del Premio alla Cultura nelle passate edizioni: l’Emerito prof. Nicola Bonacasa (2013) Pippo Madè (2014), S.E. Prefetto Gianfranco Romagnoli (2015), Prof.ssa Rita Cedrini Anno (2016), l’ Emerito Prof. Ignazio Emanuele Buttitta (2017), il mecenate Antonio Presti di Fiumara d’Arte (2018), il prof. Vincenzo Guzzo (2019).

Ai vincitori del 1° Premio delle quattro sezioni sarà donata la prestigiosa opera “La Dea Alata di Himera”, realizzata dall’artista Domenico Zora.

Per info sul bando del concorso, scrivere all’indirizzo email: termini.darte@libero.it


Condividi la Nostra Sicilia