La Festa della Fragola a Cassibile: storia e tradizione

Condividi la Nostra Sicilia

Cassibile è una frazione di Siracusa che conta meno di settemila abitanti. La zona è nota, in particolare, per la famosa Fragola di Cassibile e per le pietanze a base di fragole tipiche del posto, su tutti il Riso di Fragole e la i>Salsiccia di Fragole. Dall’eccellenza locale nasce anche una ricorrenza annuale, un evento che ogni anno arriva ad attirare fino a 80 mila persone e che rappresenta un fortissimo elemento identitario e di orgoglio per la cittadinanza: la Festa della Fragola.

La fragola di Cassibile

Cos’ha di così speciale la Fragola di Cassibile? Il prodotto tipico coltivato nel cassibilese prende il nome di Camarosa; la sua pianta si contraddistingue per una particolare produttività e per una fioritura piuttosto precoce. Solitamente, la piantagione avviene nel mese di settembre e la prima fioritura giunge a distanza di un mese e mezzo. La Camarosa può essere coltivata – ed effettivamente viene coltivata – in tutto il mondo… Ma allora perché la fragola di Cassibile è unica al mondo?

Il terreno siliano e le modalità di produzione

La coltivazione della Camarosa segue delle modalità tipiche e che la tradizione siciliana ha saputo proteggere fino ai giorni nostri. I campi scelti per la coltivazione sono aperti e, generalmente, di dimensioni limitate. Ogni piantagione si sviluppa su un’area vasta tra i due e cinque tumuli di terreno… E qui serve un’ulteriore specificazione: il tumulo è un’unità di misura proprio della cultura agraria siciliana, dove ogni tumulo corrisponde a circa 1.000 metri quadri. Il raccolto, così gestito, raggiunge il suo apice tra marzo e aprile… Giusto in tempo per la Festa della Fragola, che tra fine aprile e inizio maggio celebra la bontà del frutto e di tutti i prodotti derivati!

Altra caratteristica tipica delle coltivazioni siciliane è il tipo di terreno presente nella zona: è la ricchezza di sali minerali e di ferro, insieme all’azione di un’acqua per l’irrigazione particolarmente dolce, a fare in modo che la fragola di Cassibile sia così tipicamente zuccherata e dalla polpa intensa, caratteristiche che la distinguono e la rendono un’eccellenza della tradizione gastronomica siciliana! Dalla fragole di Cassibile deriva una molteplicità di prodotti alimentari, che grazie alla Festa della Fragola vengono celebrati in tutta la loro squisitezza: non solo i già citati risotti e salsicce, ma anche torte, gelati, birre e creme!

La Festa della Fragola di Cassibile

La Festa della Fragola assorbe in sé e rende manifeste tensioni, tradizioni e simboli che impreziosiscono la zona fin dall’antichità: le prime coltivazioni di fragole, infatti, risalgono all’epoca Fenicia; i Fenici, infatti, trovarono il contesto più adatto soprattutto nei pressi del fiume Cassibile, dove il terreno era particolarmente fertile grazie all’irrigazione naturale. Per secoli, la tradizione agricola è stata tramandata di generazione in generazione, fino ai giorni nostri. E così, a Cassibile nel periodo di massima fioritura, migliaia di persone si danno appuntamento presso gli spazi dell’Ippodromo del Mediterraneo, alle pendici del versante est del suggestivo Altopiano Ibleo. Non è solo una ricorrenza di tipo gastronomico, ma una festa in cui folclore, tipicità e intrattenimento si fondono e trovano una sintesi armonica che vede la sicilianità scorrere in tutto il suo fascino, di ieri e di oggi. Gli stand dei prodotti tipici sono, infatti, solo una parte dell’attrattività dell’evento, che accoglie spettacoli serali, intrattenimento per famiglie e per bambini, sfilate in costume, rievocazioni storiche e danze. Nel 2019, Cassibile ha superato se stessa, preparando una Maxi Torta alle Fragole di 600 chili, che è stata offerta ai presenti durante il pomeriggio del 1° maggio!


FOTO: Sfondo foto creata da jcomp – it.freepik.com 


 


Condividi la Nostra Sicilia